KotiRyhmätKeskusteluLisääAjan henki
Etsi sivustolta
Tämä sivusto käyttää evästeitä palvelujen toimittamiseen, toiminnan parantamiseen, analytiikkaan ja (jos et ole kirjautunut sisään) mainostamiseen. Käyttämällä LibraryThingiä ilmaiset, että olet lukenut ja ymmärtänyt käyttöehdot ja yksityisyydensuojakäytännöt. Sivujen ja palveluiden käytön tulee olla näiden ehtojen ja käytäntöjen mukaista.

Tulokset Google Booksista

Pikkukuvaa napsauttamalla pääset Google Booksiin.

The 48 Laws of Power Tekijä: Robert Greene
Ladataan...

The 48 Laws of Power (alkuperäinen julkaisuvuosi 1998; vuoden 2000 painos)

Tekijä: Robert Greene (Tekijä)

JäseniäKirja-arvostelujaSuosituimmuussijaKeskimääräinen arvioMaininnat
5,405631,934 (3.89)23
Business. Self-Improvement. Nonfiction. HTML:Amoral, cunning, ruthless, and instructive, this multi-million-copy New York Times bestseller is the definitive manual for anyone interested in gaining, observing, or defending against ultimate control ?? from the author of The Laws of Human Nature.
In the book that People magazine proclaimed ??beguiling? and ??fascinating,? Robert Greene and Joost Elffers have distilled three thousand years of the history of power into 48 essential laws by drawing from the philosophies of Machiavelli, Sun Tzu, and Carl Von Clausewitz and also from the lives of figures ranging from Henry Kissinger to P.T. Barnum.
 
Some laws teach the need for prudence (??Law 1: Never Outshine the Master?), others teach the value of confidence (??Law 28: Enter Action with Boldness?), and many recommend absolute self-preservation (??Law 15: Crush Your Enemy Totally?). Every law, though, has one thing in common: an interest in total domination. In a bold and arresting two-color package, The 48 Laws of Power is ideal whether your aim is conquest, self-defense, or simply to
… (lisätietoja)
Jäsen:KTgates
Teoksen nimi:The 48 Laws of Power
Kirjailijat:Robert Greene (Tekijä)
Info:Penguin Books (2000), Edition: 1st, 452 pages
Kokoelmat:Oma kirjasto
Arvio (tähdet):
Avainsanoja:-

Teostiedot

Valta : vallankäytön 48 lakia (tekijä: Robert Greene) (1998)

Viimeisimmät tallentajatWHambric, davidryoungblood, yksityinen kirjasto, StGregAbbLib, MonirulHasan, d.udaya, wooding, blssdlullaby, dhrona, ParadoxZero
Ladataan...

Kirjaudu LibraryThingiin nähdäksesi, pidätkö tästä kirjasta vai et.

Ei tämänhetkisiä Keskustelu-viestiketjuja tästä kirjasta.

» Katso myös 23 mainintaa

englanti (56)  brasilianportugali (1)  ranska (1)  saksa (1)  Kaikki kielet (59)
Näyttää 1-5 (yhteensä 59) (seuraava | näytä kaikki)
All in all, this book was fine. There's some good advice in some of the laws, and lots of interesting stories, history, and parables throughout that illustrate the laws. All this book did for me was highlight that I am NOT a power-grabber. So many of the laws are focused on how to use others for your personal gain ... and that's just very against my philosophical programming. Still, interesting stuff. Just not my cup of tea. ( )
  teejayhanton | Mar 22, 2024 |
A Machiavellian exploration of the dynamics of power and influence, "The 48 Laws of Power" by Robert Greene aims to illustrate the power dynamics in various contexts, from personal relationships to politics and business. Each of the 48 laws is accompanied by historical anecdotes and examples that illustrate its application. Critics might argue that it promotes manipulation, deceit, and ruthless behavior in the pursuit of power, but I appreciate its insights into human nature and the dynamics of power. It’s very much a practical guide for navigating complex social situations and achieving one's goals, particularly in competitive environments. There are ethical implications either direction, but one thing is for sure, there is no nobility in poverty of mind. This is a thought-provoking read. ( )
  Andrew.Lafleche | Mar 18, 2024 |
"O homem que tenta ser bom o tempo todo esta fadado à ruína entre os inúmeros outros que não são bons" - Nicolau Maquiavel Todos querem ter poder. Mas poucos sabem o que fazer para alcançá-lo. Como conseguir aquela promoção tão esperada? O que fazer para conquistar a admiração dos colegas e neutralizar quem vive tentando derrubá-lo? Como ser o queridinho do chefe? Em As 48 leis do poder, o leitor aprende a manipular pessoas e situações para alcançar seus objetivos. E descobre por que alguns conseguem ser tão bem-sucedidos, enquanto outros estão sempre sendo passados para trás. Querer ser melhor do que o chefe, por exemplo, é um erro fatal. "Faça com que as pessoas acima de você se sintam confortavelmente superiores(...) Faça com que seus mestres pareçam mais brilhantes do que são na realidade e você alcançará o ápice do poder", diz Robert Greene no capítulo “Não ofusque o brilho do mestre”. Além de oferecer o “caminho das pedras”, ele cita casos de sucesso e de fracasso revelados à luz de suas regras. Para ilustrar o que diz, Greene recorre a fábulas e a episódios reais da História, e usa e abusa de citações. O leitor se embrenha pela cartilha através de estrategistas como Clausewitz e Sun-Tsu, estadistas como Bismarck, sedutores como Casanova, filósofos como Nietzsche, escritores como Balzac e, claro, diplomatas como Maquiavel. Os textos abarcam um período de mais de três mil anos e foram pinçados em civilizações tão diferentes quanto a antiga China e a Itália renascentista. E, para quem acredita que participar de jogos de poder é uma atividade condenável, ele faz um alerta: Não adianta querer ficar de fora. O mundo é como um imenso e dissimulado cassino e todos nós fazemos parte dele. Quanto mais rápido você descobrir as regras do jogo, maiores serão as suas chances de sucesso. "Se o jogo do poder é inevitável, vale mais ser um artista do que negar ou agir desastradamente", diz Greene.
  Twerp1231 | Oct 8, 2023 |


كتاب قيم يوضح ألاعيب السلطة و الحكام و يفيد في الحياة اليومية و فهم الناس ( )
  AmmarAlyousfi | Aug 12, 2023 |
48 laws of power

Law #1
Never outshine the master
When you show yourself in the world and display your talents, you naturally stir up all kinds of resentment, envy, and other manifestations of insecurity. This law involves two rules that you must realize. First, you can inadvertently outshine a master simply by being yourself. Second, never imagined that because the master loves you, you can do anything you want.

Remember the following, never take your position for granted, and never let any favors you receive go to your head. Make the master appear more intelligent than you are. Act naïve. Make it seem like you need their expertise. Commit harmless mistakes that will give you the chance to ask for help from the master.

By letting others outshine you, you remain in control, instead of being a victim of their insecurity.

However, do not be merciful. Your master had no such scruples in his own cold-blooded climb to the top. Gauge his strength. If he is a weak, discreetly control his downfall.

*****
This would include not performing too well in public through VITAS. assisting in marketing activities, or collaboration with facilities that it may appear if am outdoing the master.

The premise is people have big egos with little confidence. So if I were to outperform them, they are more concerned about what other people think of them, and which could end up with them resenting me.

Law # 2: never put too much trust in friends, learn how to use enemies.

Friends may not show their unpleasant qualities so as to not offend each other. Since honesty rarely strengthens friendships, you may never know how a friend truly feels.

A person who has something to prove, will move mountains for you.

Never let the presence of enemies upset or distress you. You are far better off with a declared opponent, rather than not knowing where your real enemies lie.

Law three : conceal your intentions.
By being unabashedly open, you make yourself so predictable, and familiar that it is almost impossible for people to respect or fear you and power power will not occur to a person who cannot inspire such emotions.

Hide your intentions, not by closing up with the risk of appearing secretive, but by talking endlessly about your desires and goals just not your real ones. This will send your rivals on time consuming wild goose chase is.

If you tell people they fix secret, this can act as a decoy, and within illicit a real confidence on the other persons part. If you lead the sucker down a familiar path, he won’t catch on when you let him into a trap.

Law #4:
Always say less than necessary
When you say less than necessary, you inevitably appear greater and more powerful than you are. Your silence will make other people uncomfortable.

Law #5 : So much depends on reputation. Guard it with your life
Through reputation alone, you can intimidating Vinn.

Law #6: Court attention at all cost
By simply holding back, keeping silent, occasionally uttering impetuous phrases, deliberately appearing inconsistent and acting odd in the subtlest of ways you will emanate an aura of mystery

Law# 7: get others to do the work for you, but always take the credit

Law#10 infection avoid the unhappy and the unlucky ( )
  kvan1993 | Aug 2, 2023 |
Näyttää 1-5 (yhteensä 59) (seuraava | näytä kaikki)
«Ad alcuni, l’idea di mettere consapevolmente in atto giochi di potere — per quanto indiretti — sembra immorale, antisociale, un retaggio del passato. Sono convinti di poter scegliere di non partecipare a quei giochi semplicemente adottando comportamenti che nulla hanno a che fare con il potere. In realtà, occorre diffidare di simili individui, perché mentre esprimono queste opinioni a parole, in molti casi sono proprio tra i più abili a tessere trame a proprio vantaggio. Essi infatti ricorrono a strategie che celano abilmente la vera natura della manipolazione in atto. Spesso, ad esempio, esibiscono la loro debolezza e il fatto di non detenere alcun potere come se si trattasse di altrettante virtù morali. Ma la vera assenza di potere, quella che non è dettata in alcun modo dall’interesse personale, non ostenta la propria fragilità per guadagnarsi comprensione o rispetto. Mostrarsi deboli in realtà è di per sé una strategia molto efficace, subdola e ingannevole, nel gioco del potere.

Un’altra strategia adottata dal sedicente outsider consiste nel chiedere a gran voce parità e uguaglianza in ogni sfera dell’esistenza umana. Tutti, dunque, debbono essere trattati allo stesso modo, quale che sia il loro status e la loro forza. Ma se, per evitare il marchio disonorevole del potere, cerchiamo di comportarci con tutti quanti con la stessa equità e correttezza, ci troviamo di fronte a un problema: alcuni fanno determinate cose meglio di altri. Trattare tutti in modo paritetico significa ignorare le differenze, elevare i meno capaci e tarpare le ali di chi eccelle. Ancora una volta, molti di coloro che adottano questo approccio in realtà mettono in atto un’ennesima strategia di potere che consiste nel ridistribuire i riconoscimenti alle persone secondo criteri soggettivi che essi stessi hanno stabilito.

Esiste poi un altro modo per evitare di entrare in gioco: adottare un comportamento improntato alla massima sincerità e schiettezza, visto che le tecniche fondamentali utilizzate da chi mira al potere sono invece l’inganno e l’abitudine a tramare nell’ombra. Tuttavia, volendo essere sinceri sempre e comunque, si finisce inevitabilmente per ferire e offendere moltissime persone, alcune delle quali possono poi ripagarci con la stessa moneta. Nessuno considererà la vostra franca affermazione come totalmente obiettiva e scevra da motivazioni dettate dall’interesse personale. E a ragione: in realtà, il ricorso alla sincerità è di per sé una strategia di potere, tesa a convincere gli altri che siamo di animo nobile, buono e altruista. È una forma di persuasione, addirittura una sottile forma di coercizione.

Infine, può accadere che chi si chiama fuori dal gioco ostenti un’aria di falso candore per difendersi dall’accusa di essere assetato di potere. Di nuovo, guardiamoci da chi assume un simile atteggiamento, perché l’ostentazione di una presunta ingenuità può essere un valido strumento per ingannare il prossimo (cfr. Legge 21: Fingetevi sciocchi per mettere nel sacco gli ingenui). Ma neppure il candore autentico è al riparo dalle insidie del potere. Nei bambini esso può manifestarsi in molti modi, tuttavia spesso scaturisce dall’esigenza primaria di acquisire il controllo su coloro che li circondano. […] In sintesi, può accadere che anche le persone autenticamente innocenti siano in corsa per il potere: spesso la loro azione risulta terribilmente efficace, in quanto non si scontra con l’ostacolo della riflessione. Ancora una volta, chi ostenta o esibisce la propria innocenza è il meno innocente di tutti. […]

Se il mondo è paragonabile a una gigantesca corte attraversata da infinite trame e maneggi nei quali noi ci troviamo intrappolati, non ha senso cercare di chiamarsi fuori dal gioco. Un simile tentativo non fa che accrescere la nostra impotenza e questa a sua volta ci fa sentire più infelici. Anziché combattere contro l’inevitabile, anziché discutere e lagnarsi e sentirsi in colpa, è molto meglio eccellere nel potere. Anzi, meglio riuscirete a gestire il potere, migliori diventerete come amici, amanti, mariti, mogli e, più in generale, persone. Seguendo il percorso del cortigiano perfetto, imparerete a far sì che gli altri si sentano meglio con se stessi e diventerete per loro una fonte di piacere. Essi svilupperanno una sorta di dipendenza dalle vostre capacità e desidereranno costantemente la vostra presenza. Imparando alla perfezione a mettere in pratica le 48 leggi illustrate in questo libro, risparmierete agli altri la sofferenza che deriva dall’armeggiare goffamente con il potere — giocando cioè col fuoco senza conoscerne le proprietà. Se al gioco del potere non è possibile sottrarsi, è meglio esserne un artefice che rifiutare di cimentarvisi o adottare un approccio dilettantesco.

Per cimentarsi con successo nel gioco del potere, è necessario innanzitutto acquisire una certa visione del mondo, cambiare prospettiva. […] Sono dunque necessarie alcune capacità di base; una volta acquisite queste ultime, sarete in grado di applicare le leggi del potere con maggiore facilità.

La più importante di queste abilità, e il fondamento primo del potere, è il saper governare le proprie emozioni. Una reazione emotiva a una data situazione costituisce in assoluto il maggior ostacolo all’acquisizione del potere, un errore che vi potrà costare molto di più di qualunque temporanea soddisfazione possiate ricavare dal manifestare i vostri sentimenti. Le emozioni ottenebrano la ragione e se non siete in grado di vedere la situazione con chiarezza, non potete prepararvi ad affrontarla né reagire a essa con un minimo di controllo.

L’ira è la più distruttiva delle reazioni emotive in quanto è quella che più di tutte offusca la nostra capacità di guardare le cose con lucidità. Inoltre, essa innesca una reazione a catena che rende invariabilmente più difficile controllare la situazione e accresce la determinazione dell’avversario. Se state cercando di distruggere un nemico che vi ha fatto del male, anziché manifestare apertamente la vostra collera, è molto meglio che lo incoraggiate a tenere abbassata la guardia ostentando un atteggiamento amichevole.

Anche amore e affetto possono rivelarsi distruttivi, in quanto vi impediscono di capire come dietro le azioni di coloro che meno di tutti sospettereste impegnati in un gioco di potere stia spesso nascosto l’interesse personale. […]

Per padroneggiare le proprie emozioni occorre anche essere capaci di prendere le distanze dal presente e di considerare passato e futuro con obiettività. […]

Per quanto concerne il domani, il motto è: «Siate sempre vigili». Nulla dovrebbe cogliervi di sorpresa, perché cercherete sempre di anticipare i possibili problemi prima che si presentino. Anziché passare il tempo a fantasticare sul felice esito dei vostri progetti, dovrete darvi da fare per calcolare qualsiasi imprevisto e qualsiasi insidia possiate incontrare sul vostro cammino. Più lontano riuscirete a spingere lo sguardo, più numerose saranno le fasi del processo che sarete in grado di pianificare, maggior potere potrete acquisire. […]

Metà del gioco consiste proprio nell’imparare a dimenticare gli eventi il cui ricordo ci divora interiormente e offusca la nostra razionalità. Il vero scopo della riflessione su ciò che è stato è educare se stessi, costantemente […]. Poi, dopo aver meditato sul passato, rivolgiamo la nostra attenzione più vicino a noi, alle nostre azioni e a quelle dei nostri amici. È soprattutto da questa scuola che possiamo trarre gli insegnamenti più preziosi, perché essa si fonda sull’esperienza personale.
lisäsi AntonioGallo | muokkaaLetture.org
 
Sinun täytyy kirjautua sisään voidaksesi muokata Yhteistä tietoa
Katso lisäohjeita Common Knowledge -sivuilta (englanniksi).
Teoksen kanoninen nimi
Tiedot englanninkielisestä Yhteisestä tiedosta. Muokkaa kotoistaaksesi se omalle kielellesi.
Alkuteoksen nimi
Teoksen muut nimet
Alkuperäinen julkaisuvuosi
Henkilöt/hahmot
Tärkeät paikat
Tärkeät tapahtumat
Kirjaan liittyvät elokuvat
Epigrafi (motto tai mietelause kirjan alussa)
Omistuskirjoitus
Tiedot englanninkielisestä Yhteisestä tiedosta. Muokkaa kotoistaaksesi se omalle kielellesi.
To Anna Biller, and to my parents R.G.
Ensimmäiset sanat
Sitaatit
Viimeiset sanat
Erotteluhuomautus
Julkaisutoimittajat
Kirjan kehujat
Alkuteoksen kieli
Kanoninen DDC/MDS
Kanoninen LCC

Viittaukset tähän teokseen muissa lähteissä.

Englanninkielinen Wikipedia (3)

Business. Self-Improvement. Nonfiction. HTML:Amoral, cunning, ruthless, and instructive, this multi-million-copy New York Times bestseller is the definitive manual for anyone interested in gaining, observing, or defending against ultimate control ?? from the author of The Laws of Human Nature.
In the book that People magazine proclaimed ??beguiling? and ??fascinating,? Robert Greene and Joost Elffers have distilled three thousand years of the history of power into 48 essential laws by drawing from the philosophies of Machiavelli, Sun Tzu, and Carl Von Clausewitz and also from the lives of figures ranging from Henry Kissinger to P.T. Barnum.
 
Some laws teach the need for prudence (??Law 1: Never Outshine the Master?), others teach the value of confidence (??Law 28: Enter Action with Boldness?), and many recommend absolute self-preservation (??Law 15: Crush Your Enemy Totally?). Every law, though, has one thing in common: an interest in total domination. In a bold and arresting two-color package, The 48 Laws of Power is ideal whether your aim is conquest, self-defense, or simply to

Kirjastojen kuvailuja ei löytynyt.

Kirjan kuvailu
Yhteenveto haiku-muodossa

Current Discussions

-

Suosituimmat kansikuvat

Pikalinkit

Arvio (tähdet)

Keskiarvo: (3.89)
0.5
1 24
1.5 2
2 50
2.5 10
3 115
3.5 25
4 216
4.5 14
5 237

Oletko sinä tämä henkilö?

Tule LibraryThing-kirjailijaksi.

 

Lisätietoja | Ota yhteyttä | LibraryThing.com | Yksityisyyden suoja / Käyttöehdot | Apua/FAQ | Blogi | Kauppa | APIs | TinyCat | Perintökirjastot | Varhaiset kirja-arvostelijat | Yleistieto | 204,599,501 kirjaa! | Yläpalkki: Aina näkyvissä