KotiRyhmätKeskusteluLisääAjan henki
Etsi sivustolta
Tämä sivusto käyttää evästeitä palvelujen toimittamiseen, toiminnan parantamiseen, analytiikkaan ja (jos et ole kirjautunut sisään) mainostamiseen. Käyttämällä LibraryThingiä ilmaiset, että olet lukenut ja ymmärtänyt käyttöehdot ja yksityisyydensuojakäytännöt. Sivujen ja palveluiden käytön tulee olla näiden ehtojen ja käytäntöjen mukaista.
Hide this

Tulokset Google Booksista

Pikkukuvaa napsauttamalla pääset Google Booksiin.

Essentialism: The Disciplined Pursuit of…
Ladataan...

Essentialism: The Disciplined Pursuit of Less (vuoden 2014 painos)

– tekijä: Greg McKeown (Tekijä)

JäseniäKirja-arvostelujaSuosituimmuussijaKeskimääräinen arvioMaininnat
1,419399,989 (3.74)5
Discusses a systematic discipline for discerning what is absolutely essential, then eliminating everything that is not, so you can make the highest possible contribution towards the things that really matter.
Jäsen:PavanP
Teoksen nimi:Essentialism: The Disciplined Pursuit of Less
Kirjailijat:Greg McKeown (Tekijä)
Info:Currency (2014), Edition: Illustrated, 272 pages
Kokoelmat:Oma kirjasto
Arvio (tähdet):****
Avainsanoja:-

Teoksen tarkat tiedot

Essentialism: The Disciplined Pursuit of Less (tekijä: Greg Mckeown)

Ladataan...

Kirjaudu LibraryThingiin, niin näet, pidätkö tästä kirjasta vai et.

Ei tämänhetkisiä Keskustelu-viestiketjuja tästä kirjasta.

» Katso myös 5 mainintaa

Näyttää 1-5 (yhteensä 38) (seuraava | näytä kaikki)
I agree with his basic premise (though he does restate some stuff that is pretty old news, scientifically).

However, I am coming to the conclusion that the people who write these books are on a different social/economic level than most of the population. 90% of the time I can't walk up to my boss and say no. He really doesn't care/want to respect me. Most people are pretty similar. I guess that is where Simon Sinek really resonates with me. He addresses people who can probably solve the problem.

Maybe in 10 years I'll be at that point. Today, though, I'm not. ( )
  OutOfTheBestBooks | Sep 24, 2021 |
Manufacturing a few more hours in the day has been ruled out, so when things get busy it's time to say no, or to stop doing things and see if anyone notices. Labor-saving devices are largely ignored by this middle-management confection, which argues that most labor is too trivial to pursue-or at least its value is untested, as in overbuilt software. Managers know much of this, but may still benefit from the chance to contemplate the time and money freed up by skimming all the nice-to-haves from their next project.
  rynk | Jul 11, 2021 |
Se você se sente sobrecarregado e ao mesmo tempo subutilizado, ocupado mas pouco produtivo, e se o seu tempo parece servir apenas aos interesses dos outros, você precisa conhecer o essencialismo.

O essencialismo é mais do que uma estratégia de gestão de tempo ou uma técnica de produtividade. Trata-se de um método para identificar o que é vital e eliminar todo o resto, para que possamos dar a maior contribuição possível àquilo que realmente importa.

Quando tentamos fazer tudo e ter tudo, realizamos concessões que nos afastam da nossa meta. Se não decidimos onde devemos concentrar nosso tempo e nossa energia, outras pessoas – chefes, colegas, clientes e até a família – decidem por nós, e logo perdemos de vista tudo o que é significativo.

Neste livro, Greg McKeown mostra que, para equilibrar trabalho e vida pessoal, não basta recusar solicitações aleatoriamente: é preciso eliminar o que não é essencial e se livrar de desperdícios de tempo. Devemos aprender a reduzir, simplificar e manter o foco em nossos objetivos.

Quando realizamos tarefas que não aproveitam nossos talentos e assumimos compromissos só para agradar aos outros, abrimos mão do nosso poder de escolha. O essencialista toma as próprias decisões – e só entra em ação se puder fazer a diferença.

"Greg McKeown nos lembra que a clareza de foco e a capacidade de dizer 'não' são aspectos desvalorizados porém fundamentais para os negócios nos dias de hoje." – Jeff Weiner, presidente-executivo do LinkedIn
  JefersonMello | Jun 1, 2021 |
Aveva 14 figli. C’era stata una pandemia. Aveva un fastidioso disturbo allo stomaco. Stava prendendo lezioni di filosofia. Lui era l’imperatore di Roma. Il suo dominio si estendeva per circa 2,2 milioni di miglia quadrate e comprendeva oltre 120 milioni di persone per le quali era sia responsabile che incaricato di governare. Come fece a gestire il tutto? Come fece senza perdere la testa? Sappiamo che una domanda ha giocato un ruolo enorme nel suo comportamento. Riguarda l’essenzialità. “La maggior parte di ciò che diciamo e facciamo non è essenziale”, scrisse Marco Aurelio nelle sue famose “Meditazioni”. “Se riesci a eliminare ciò che non è essenziale avrai più tempo e più tranquillità. Chiediti in ogni momento: ‘È necessario?”

Quanto o quanto poco lavori, dove vivi, come sono il tuo matrimonio o le tue relazioni, le tue idee politiche, come spendi i tuoi soldi, quali sono i tuoi obiettivi, il modo in cui è organizzata la tua vita, le cose che occupano spazio nel tuo cassetto della spazzatura, in una parola i pensieri che ti passano per la testa. Chiediti su tutto ciò che fai, dici e pensi: “È necessario? È essenziale?” “Deve essere così?” “Perché lo sto facendo?” “Cosa succederebbe se cambiassi?”. Ci chiediamo di continuo perché non facciamo del nostro meglio. Ci chiediamo perché non siamo felici. Ci chiediamo perché le cose sono difficili. È perché stiamo facendo troppo, o stiamo facendo le cose sbagliate, anche nel modo sbagliato?

Guardate l’intelligente e sintetico disegno della copertina del libro che ha scritto Greg McKeown su quell’arte o disciplina chiamata essenzialismo impiegata per acquisire non il di più, ma il meno: essentialismo. A sinistra della immagine il caos, la confusione, la spazzatura. A destra, nel cerchio, l’essenziale. Una parola che, guarda caso, rivela la sua … essenzialità.

Vogliamo arrivare in un luogo in cui la nostra vita possa essere definita da essa, un luogo dove possiamo fare solo ciò che deve essere fatto, nel modo migliore. Bisognerà sentirsi a proprio agio nel dire “No”. Significherà tagliare il grasso inutile dalla vita, forse anche ferire alcuni sentimenti. Ma va bene. Presto ci si renderà conto che quando diciamo di no a qualcosa, stiamo dicendo di sì a qualcos’altro.

Viceversa, quando pensiamo di dire di sì a una cosa, dobbiamo capire tutte le cose a cui stiamo dicendo di no. Quindi potremo far arrabbiare alcune persone dicendo di no, ma renderemo anche le altre persone molto più felici. Importante è conoscere come funziona la “sintesi essenzialista”. Quando non distinguiamo tra ciò che è e ciò che non è essenziale, come si decide a cosa dire si e a cosa dire di no? Di solito, per impostazione predefinita, filtriamo le opportunità in base a ciò che è più redditizio o più impressionante. Ricordiamoci di quello che disse Seneca:

“Ci viene detto che la vita è breve e l’arte è lunga … Non è che abbiamo poco tempo da vivere, ma che ne sprechiamo molto. La vita è abbastanza lunga e ce ne è stata data una quantità sufficientemente generosa per il risultato migliore soltanto se il tempo fosse tutto ben investito.Quando è sprecato nel lusso incurante e speso in nessuna buona attività, siamo poi costretti dall’ultima costrizione della morte a renderci conto che è passato prima che sapessimo che stava passando. Così è: non ci viene data una vita breve, ma la rendiamo breve. Non siamo mal forniti, ma ne sprechiamo. Proprio come quando una ricchezza ampia e principesca cade su un cattivo proprietario, viene sperperata in un attimo, ma ricchezza comunque modesta, se affidata a un buon custode, aumenta con l’uso, quindi la nostra vita si allunga ampiamente se gestita adeguatamente “.

Una cosa in cui la pandemia ci ha aiutato è che ci ha mostrato, nella maggior parte dei casi senza il nostro consenso, cosa significa fare di meno. Meno voli. Meno cene fuori. Meno incontri. Meno reddito. Meno commissioni. Si potrebbe sostenere che COVID-19 è stato il più grande esperimento di stile di vita forzato nella storia. Ha infranto così tante delle nostre supposizioni su ciò che è e non è essenziale.

Ma questa cosa non può essere fatta da remoto, a distanza? Certo che sì. Oh, non potrei vivere senza i miei bambini. Bene, ora devi tenerteli tu a casa ed accudirli ed educarli. Oh, non avrò mai tempo per fare quello voglio. OK, eccolo qui. Hai tutto il tempo che vuoi, sei in isolamento. Abbiamo dovuto pagare con meno.

Abbiamo dovuto reinventare il modo in cui venivano fatte le cose. Abbiamo dovuto riorganizzare tutto. Alcune parti di questo comportamento sono state difficili da sopportare. Alcune imposizioni ci hanno reso tristi e soli. Ma altre parti sono state decisamente liberatorie. Questo è il problema di “less”, “meno”, per questa ragione chiediamo a Marco Aurelio la versione della domanda: è necessario?
Perché per quanto siano stati duri gli ultimi mesi di un isolamento che continua, significa anche che abbiamo la possibilità di continuare a pensare a noi stessi, a guardare altri tramonti dalla veranda sul retro di casa, altre cene in tranquillità, altre scritture più mirate, su argomenti più importanti, nuovi contatti a distanza che dovranno essere confermati di persona, più apprezzamento per le persone e le cose che contano veramente.

“Fare l’essenziale”, ha detto Marco, “porta una doppia soddisfazione: fare di meno, meglio”. Quindi prendiamoci un minuto oggi e facciamoci la domanda di Marco. È necessario? È essenziale? Ho davvero bisogno di farlo? E se avessi detto di no? E se avessi rinunciato? Cosa succederebbe?

Troveremo la risposta. In molti casi, è no, non è essenziale. Non è importante, né necessario. E dicendo di no, non stiamo “sottraendoci” alle nostre responsabilità. Al contrario, siamo più in forma, meglio in grado di adempiere effettivamente ai nostri doveri importanti: verso la famiglia, il lavoro, noi stessi e anche verso gli altri. E questo è il vero doppio vantaggio. ( )
  AntonioGallo | May 6, 2021 |
Interesting. I'm not attempting to downplay what's said in this book, but I think "Essentialism" is just Japanese "Minimalism" applied also to human activity and business practices instead of just possessions. That being said, I wish more company executives practiced what McKeown preaches, especially in terms of clarity of purpose for teams in both goals and performance evaluation. This should be required reading for all managers.
I agree with other reviewers that the book was overly long and repetitive considering its message is Essentialism. ( )
  SGTCat | Feb 25, 2021 |
Näyttää 1-5 (yhteensä 38) (seuraava | näytä kaikki)
ei arvosteluja | lisää arvostelu
Sinun täytyy kirjautua sisään voidaksesi muokata Yhteistä tietoa
Katso lisäohjeita Common Knowledge -sivuilta (englanniksi).
Kanoninen teoksen nimi
Alkuteoksen nimi
Teoksen muut nimet
Alkuperäinen julkaisuvuosi
Henkilöt/hahmot
Tärkeät paikat
Tärkeät tapahtumat
Kirjaan liittyvät elokuvat
Palkinnot ja kunnianosoitukset
Tiedot venäjänkielisestä Yhteisestä tiedosta. Muokkaa kotoistaaksesi se omalle kielellesi.
Epigrafi (motto tai mietelause kirjan alussa)
Omistuskirjoitus
Ensimmäiset sanat
Sitaatit
Tiedot englanninkielisestä Yhteisestä tiedosta. Muokkaa kotoistaaksesi se omalle kielellesi.
The Invincible Power of Choosing to Choose

For too long, we have overemphasized the external aspect of choices (our options) and underemphasized our internal ability to choose (our actions). This is more than semantics. Think about it this way. Options (things) can be taken away, while our core ability to choose (free will) cannot be.
If you don’t prioritize your life, someone else will.
The ability to choose cannot be taken away or even given away—it can only be forgotten.
The overwhelming reality is: we live in a world where almost everything is worthless and a very few things are exceptionally valuable. As John Maxwell has written, “You cannot overestimate the unimportance of practically everything.”
A Non-essentialist thinks almost everything is essential.

An Essentialist thinks almost everything is nonessential.
Viimeiset sanat
Erotteluhuomautus
Julkaisutoimittajat
Kirjan kehujat
Tiedot englanninkielisestä Yhteisestä tiedosta. Muokkaa kotoistaaksesi se omalle kielellesi.
Alkuteoksen kieli
Kanoninen DDC/MDS
Kanoninen LCC

Viittaukset tähän teokseen muissa lähteissä.

Englanninkielinen Wikipedia (2)

Discusses a systematic discipline for discerning what is absolutely essential, then eliminating everything that is not, so you can make the highest possible contribution towards the things that really matter.

Kirjastojen kuvailuja ei löytynyt.

Kirjan kuvailu
Yhteenveto haiku-muodossa

Suosituimmat kansikuvat

Pikalinkit

Arvio (tähdet)

Keskiarvo: (3.74)
0.5
1 7
1.5
2 20
2.5 3
3 59
3.5 10
4 80
4.5 4
5 64

Oletko sinä tämä henkilö?

Tule LibraryThing-kirjailijaksi.

 

Lisätietoja | Ota yhteyttä | LibraryThing.com | Yksityisyyden suoja / Käyttöehdot | Apua/FAQ | Blogi | Kauppa | APIs | TinyCat | Perintökirjastot | Varhaiset kirja-arvostelijat | Yleistieto | 163,167,215 kirjaa! | Yläpalkki: Aina näkyvissä