Picture of author.

Gertrude Lowthian Bell (1868–1926)

Teoksen The Desert and the Sown: Travels in Palestine and Syria tekijä

20+ teosta 617 jäsentä 5 arvostelua 1 Favorited

Tietoja tekijästä

Image credit: Gertrude Bell

Tekijän teokset

The Letters of Gertrude Bell (1927) 69 kappaletta
Selected Letters of Gertrude Bell (1953) 11 kappaletta
Poems from the Divan of Hafiz (2008) 5 kappaletta

Associated Works

Maiden Voyages: Writings of Women Travelers (1993) — Avustaja — 192 kappaletta
The Garden of Heaven: Poems of Hafiz (1995) — Kääntäjä — 156 kappaletta
Classic Travel Stories (1994) — Avustaja — 62 kappaletta

Merkitty avainsanalla

Yleistieto

Virallinen nimi
Bell, Gertrude Margaret Lowthian
Muut nimet
BELL, Gertrude Margaret Lowthian
BELL, Gertrude
Syntymäaika
1868-07-14
Kuolinaika
1926-07-12
Sukupuoli
female
Kansalaisuus
England
Maa (karttaa varten)
UK

Jäseniä

Kirja-arvosteluja

Most of this short book is made up of actul dispatches sent by Gertrude Bell to the British Govt. They're mainly dry lists of names - who was fighting who etc - and are rather dull, though there are a few lively vignettes interspersed. The last quarter is excerpts from 2 other books about the region, not by Bell. It's a quick read, but only mildly engaging, and only if one is interested in that period of British-Arab relations.
 
Merkitty asiattomaksi
SChant | Jan 17, 2021 |
Incipit
Per chi è cresciuto in un ambiente sociale sofisticato, la partenza per un viaggio in luoghi selvaggi è uno dei pochi momenti esaltanti dell’esistenza. Si aprono tutti cancelli del muro di cinta, cade la catena d’ingresso al santuario, si fa un passo in avanti guardando con circospezione a destra e sinistra ed, ecco, si è davanti al mondo sconfinato!
Il mondo dell’avventura e della scoperta, nero di tempeste incombenti, brillante della luce naturale del sole, con domande insolute e dubbi risolvibili nascosti nelle pieghe di ogni colle. Da soli ci si deve avventurare in quel mondo, via della massa di amici che camminano tra i roseti senza spine. Spogliati dei panni elaborati e raffinati che ostacolano la lotta, senza rifugio, senza difesa, senza alcun bene terreno. La voce del vento sostituirà quella incalzante di chi vuole dare consigli, il tocco della pioggia e il graffio del gelo saranno sproni più forti della lode o del biasimo e la necessità parlerà con una voce autorevole sconosciuta alla saggezza presa in prestito dall’uomo e seguita o negletta a sua volontà. Così si abbandona il proprio rifugio dorato e, come un personaggio di fiaba alla soglia del sentiero che si stende lungo il tondo contorno della terra, si sentono rompere i legami del proprio cuore.

Un libro che racconta un viaggio nella Siria ottomana, iniziato nel febbraio del 1905, di una signora inglese, Geltrude Bell, studiosa di archeologia, che divenne una protagonista, per la sua conoscenza dei luoghi e delle popolazioni, della politica medio-orientale inglese, dopo la fine della I Guerra mondiale, quando francesi e inglesi tracciarono i confini dei nuovi Stati, nati dalla disgregazione dell’Impero ottomano (Sykes e Picot).
Un libro per chi ama la Siria e vuole ripercorrere le tappe di un viaggio tra le rovine lasciate dagli ittiti, dai romani e dai crociati. Tracce e rovine forse ormai perdute e, comunque, irreparabilmente diverse da quelle scoperte da Geltrude Bell nel lontano 1905.
Oltre alle rovine descritte nel testo e, in parte, riprodotte dalle fotografie in bianco e nero dell’autrice, il libro racconta la varietà delle popolazioni che vivevano più o meno pacificamente (vi erano frequenti razzie e scontri tra tribù e popolazioni) in quella terra: arabi, drusi, circassi, armeni, curdi, yazidi. Convivevano diverse religioni: musulmana, ortodossa, cattolica, ebraica, ismailita.
C’erano anche gli yazidi, diventati tristemente famosi per le persecuzioni di cui sono stati recentemente vittime in Iraq, da parte dei terroristi dell’Isis. Già allora I “maomettani” li chiama
vano “adoratori del diavolo”, ma Geltrude Bell li considera “gente innocua e ben intenzionata”.
Molto interessante, anche i fini della comprensione di ciò che avviene in Irak, è questo passo:

Mi avvicinai all’argomento con cautela mentre eravamo seduti sulla soglia della chiesetta di Kefr Lab, chiedendogli se gli yezidi avevano moschee o chiese.
"Nessuna delle due", risposte Musa. "Preghiamo all’aria aperta. Ogni giorno all’alba adoriamo il sole".
"Avete un imam che guida la preghiera?"
"Nei giorni di festa lo sceicco guida la preghiera", disse "ma gli altri giorni ognuno prega da solo".
Chiesi ancora: "Siete amici dei maomettani o loro sono vostri nemici?"

Rispose: "Qui nella zona attorno ad Aleppo siamo in pochi e non ci temono e viviamo in pace con loro; ma ogni anno viene da Mosul uno sceicco molto erudito a raccogliere i nostri tributi e si meraviglia a vedere che siamo fratelli dei musulmani perché a Mosul dove gli yezidi sono di più, c’è una forte inimicizia".
… (lisätietoja)
 
Merkitty asiattomaksi
ren47 | 1 muu arvostelu | Dec 9, 2016 |
This collection of letters, edited by Bell's half-sister, details the developments of Gertrude from an inquisitve and assertive child in the adult adventurer of distant lands. In spite of her great love for her family in England, she is always drawn back to her much loved Middle East.
 
Merkitty asiattomaksi
psumesc | Jun 28, 2011 |

Listat

Palkinnot

You May Also Like

Associated Authors

Tilastot

Teokset
20
Also by
3
Jäseniä
617
Suosituimmuussija
#40,747
Arvio (tähdet)
½ 3.6
Kirja-arvosteluja
5
ISBN:t
76
Kielet
6
Kuinka monen suosikki
1

Taulukot ja kaaviot