Picture of author.

Georges Bataille (1897–1962)

Teoksen Silmän tarina tekijä

213+ teosta 10,676 jäsentä 130 arvostelua 57 Favorited

Tietoja tekijästä

Georges Bataille was a French poet, novelist, and philosopher. He was born in Billon, Puy-de-Dome, in central France on September 10, 1897. His father was already blind and paralyzed from syphilis when Bataille was born. In 1915, Bataille's father died, his mind destroyed by his illness. The death näytä lisää marked his son for life. While working at the Bibliotheque National in Paris during the 1920s, Bataille underwent psychoanalysis and became involved with some of the intellectuals in the Surrealist movement, from whom he learned the concept of incongruous imagery in art. In 1946 he founded the journal Critique, which published the early work of some of his contemporaries in French intellectual life, including Roland Barthes and Jacques Derrida. Bataille believed that in the darkest moments of human existence-in orgiastic sex and terrible death-lay ultimate reality. By observing them and even by experiencing them, actually in sex and vicariously in death, he felt that one could come as close as possible to fully experiencing life in all its dimensions. Bataille's works include The Naked Beast at Heaven's Gate (1956), A Tale of Satisfied Desire (1953), Death and Sensuality: A Study of Eroticism and the Taboo (1962), and The Birth of Art: Prehistoric Painting (1955). Bataille died in Paris on July 8, 1962. (Bowker Author Biography) näytä vähemmän
Image credit: Georges Bataille vers 1943

Sarjat

Tekijän teokset

Silmän tarina (1928) 2,429 kappaletta
Erotism: Death and Sensuality (1957) 1,164 kappaletta
Blue of Noon (1957) 704 kappaletta
Literature and Evil (1973) 515 kappaletta
The Tears of Eros (1961) 425 kappaletta
Uskontoteoria (1973) 371 kappaletta
Abbot C (1950) 314 kappaletta
Inner Experience (1943) 309 kappaletta
On Nietzsche (1900) 248 kappaletta
Trial of Gilles De Rais (1977) 246 kappaletta
The Impossible (1962) 242 kappaletta
Guilty (1986) 162 kappaletta
My Mother (1966) 140 kappaletta
The Bataille Reader (1997) 84 kappaletta
The Dead Man (1960) 80 kappaletta
Unfinished System Of Nonknowledge (2001) 75 kappaletta
Manet (1955) 54 kappaletta
The Solar Anus (1931) 36 kappaletta
Madame Edwarda (1985) 32 kappaletta
The Limit of the Useful (2023) 22 kappaletta
Het oog / De dode (1994) 17 kappaletta
Oeuvres complètes, tome 6 (1973) 15 kappaletta
Il limite dell'utile (1973) 15 kappaletta
Oeuvres complètes, tome 4 (1971) 14 kappaletta
Het kleintje (1977) 14 kappaletta
Oeuvres complètes, tome 3 (1971) 14 kappaletta
Romans et récits (2004) 13 kappaletta
Oeuvres complètes, tome 10 (1970) 13 kappaletta
Oeuvres complètes, tome 5 (1954) 11 kappaletta
El Aleluya y otros textos (1988) 11 kappaletta
Documents (1974) 11 kappaletta
Historia del erotismo (2015) 11 kappaletta
Oeuvres complètes, tome 7 (1976) 10 kappaletta
Die Aufhebung der Ökonomie (1975) 9 kappaletta
Oeuvres complètes, tome 9 (1979) 9 kappaletta
Oeuvres complètes, tome 8 (1976) 8 kappaletta
La sovranità (1976) 8 kappaletta
Louis XXX (2016) 8 kappaletta
Il labirinto (1993) 7 kappaletta
Henker und Opfer (2008) 7 kappaletta
Tutti i romanzi (1992) 7 kappaletta
Choix De Lettres : 1917-1962 (1997) 6 kappaletta
Lo que entiendo por soberanía (1996) 6 kappaletta
Historia oka i inne historie (1991) 5 kappaletta
The Sorcerer's Apprentice (1999) 5 kappaletta
The Poetry of Georges Bataille (2018) 4 kappaletta
Gözün Öyküsü (2018) 4 kappaletta
Obras escogidas (1974) 4 kappaletta
[Temptis] Erotische Kunst (1999) — Tekijä — 4 kappaletta
Méthode de méditation (1947) 4 kappaletta
Lotte or the transformation of the object — Avustaja — 4 kappaletta
Coryphea 3 kappaletta
Discussion sur le péché (2005) 3 kappaletta
L'amicizia (1999) 3 kappaletta
William Blake (2013) 3 kappaletta
Der große Zeh 3 kappaletta
Oeuvres brèves (1981) 2 kappaletta
Poemas (1997) 2 kappaletta
Dictionnaire Critique (2016) 2 kappaletta
Den indre erfaring (1972) 2 kappaletta
Martwy (2010) 2 kappaletta
Silma lugu : [romaan] (1993) 2 kappaletta
Kritisches Wörterbuch (2005) 2 kappaletta
Poesie erotiche 2 kappaletta
Georges Bataille (2000) 2 kappaletta
Il colpevole-L'alleluia (1989) 2 kappaletta
The Stripteaser (1953) — Avustaja — 2 kappaletta
L'amour d'être mortel (2013) 2 kappaletta
Matka ; Příběh oka (1992) 2 kappaletta
El culpable 1 kappale
O morto 1 kappale
Documentos 1 kappale
Mały (2022) 1 kappale
Charlotte d'Ingerville (2022) 1 kappale
La oreja de Van Gogh (2011) 1 kappale
HISTORIA E SYRIT 1 kappale
Courts écrits sur l'art (2017) 1 kappale
バタイユ・ブランショ研究 — Tekijä — 1 kappale
O Pequeno 1 kappale
La scissiparité (2012) 1 kappale
Sade und die Moral (2015) 1 kappale
O Padre C. 1 kappale
O Aleluia 1 kappale
Homenaje a Georges Bataille (1992) 1 kappale
Una libertad soberana (2007) 1 kappale
詩と聖性 (1971) 1 kappale
言葉とエロス (1971) 1 kappale
La notion de dépense (2011) 1 kappale
Escritos sobre Hegel (2005) 1 kappale
Literatura i zło (2021) 1 kappale
Essäer 1927-1939 (2021) 1 kappale
Gögün Mavisi (2017) 1 kappale
Sisäinen kokemus (2020) 1 kappale
Lo imposible 1 kappale

Associated Works

Sodoman 120 päivää (1785) — Avustaja, eräät painokset1,312 kappaletta
The Olympia Reader (1965) — Avustaja — 279 kappaletta
The Gates of Paradise (1993) — Avustaja — 115 kappaletta
Surrealist Painters and Poets: An Anthology (2001) — Avustaja — 68 kappaletta
The College of Sociology, 1937-39 (1982) — Avustaja — 66 kappaletta
Art forms in nature : The complete edition (1994) — Avustaja — 63 kappaletta
Laure : Ecrits de Laure (1976)eräät painokset7 kappaletta
Tel Quel, numéro 5 (1961) — Avustaja — 1 kappale
新版 バタイユの世界 — Tekijä — 1 kappale
Soso No.11: April 1970 — Avustaja — 1 kappale
実存と虚無 — Avustaja — 1 kappale

Merkitty avainsanalla

Yleistieto

Jäseniä

Kirja-arvosteluja

"¿Qué clase de fulgor emana de una pintura prehistórica, con qué potencia y alcance, o con cuánta suficiencia como para cuestionar ese momento perdido en el pasado en que el hombre se vio como un animal y, al mismo tiempo, dejó de serlo? Esta breve antología reúne varios textos (por primera vez traducidos al español), sobre los que Georges Bataille trabajó al final de su vida y en los que construye un punto de vista completamente nuevo para pensar ese instante de pasaje entre la imagen que la piedra devuelve y el hombre que la contempla. Precedidos por un esclarecedor y lúcido ensayo de Silvio Mattoni (a cargo también de la traducción), transmite todo lo que de arriesgado y conjetural tiene una reflexión en proceso: aquella que desdeña la simple oposición entre humanidad y animalidad, y se atreve a concebir el origen de lo humano como una idea del animal que habla, piensa y compone figuras sobre la pared de una caverna". (Descripción editorial).… (lisätietoja)
 
Merkitty asiattomaksi
Perroteca_ | May 17, 2024 |
Before I read this work, I'd already read Bataille's "Erotism Death and Sensuality" (1957) ("EDAS") which amazed and confounded me. "Story of The Eye" ("SOTE") was written twenty-nine years before EDAS and yet the link between the two works is obvious. As other reviewers / critics have noted, it appears that Bataille ultimately derived his fully fleshed-out concepts (pun intended) from the ideas that are present in SOTE. This book ends up resembling a satire of pornography; it's so extreme as to be ridiculous. The reader is introduced to vaguely-sketched characters whose participation in drastic objectification overtakes their respective personalities. All of these "non-characters" are very young, precocious and seemingly lacking in innocence. They use each to other live out their fantasies, by means of bizarre fetishes, that fuel an ongoing excitement that inevitably doubles as torment. By doing so, the main players melt and meld into a Dionysian "oneness" where personality disappears and the reptile brain takes over. Within SOTE, the characters break away from the confines of any previous social conditioning. Nothing herein is appropriate; the artifice of civilized decorum plays no part in this work. The reader immediately becomes the "voyeur" in a world where behavior resulting from uninhibited sexual appetite can result in grave consequences -- Particularly within the context of transgression. In Closing: the moral of this story is: Since sexuality is amoral -- Anything goes. Although hopefully one can accept the fact that "anything goes" can be disgusting as well as inhuman. But to each his own: One man's / woman's revulsion is another's stimulation.… (lisätietoja)
 
Merkitty asiattomaksi
stephencbird | 52 muuta kirja-arvostelua | Sep 19, 2023 |
I can say with certainty that this is a life changing book for me. I've started reading it for a second time as I'm sure there's a lot that I've missed. I can see how many readers could be repelled by Bataille's deconstruction of the heavy, harsh realities he grapples with. The subject matter, by itself, is brutally real. Some sentences jump out at me with absolute clarity; others remain murky and mysterious, refusing to give up their secrets -- Even after a second reading. Contradictions exist within the space of a sentence in this work. Bataille breaks down concepts that are at once elemental yet complex -- For example, "continuity" versus "discontinuity". This is an oversimplification, but in essence, Bataille examines the overlap between life and death; between existence and non-existence; and the role eroticism plays within that arena.

Bataille has been referred to as the "metaphysician of evil", a moniker that I find to be sensational. According to Bataille, eroticism moves man towards death; or alternatively, man moves towards death in pursuing the erotic, which he cannot help but doing, since eroticism is intrinsic to his very nature. Work acts as a barrier against the potentially malign influence of decadent eroticism. Although sex and sexuality in themselves are amoral -- Bataille makes use of a moral perspective in his study of the connection between eroticism and death. Human sacrifice (and its evolution into pastel Christianity / puritanical monotheism) and the writings of Marquis DeSade appear as two memorable themes in this work; as several other Goodreads reviewers have noted -- The chapter on DeSade is compelling.

While reading "Erotism" I asked myself the question: "Must I now view life through Bataille's dark prism? And the answer was unequivocally: "Yes". On a technical note, I find the translation to be problematic [this has been observed by other Goodreads reviewers as well]; typos abound and while many of them are innocuous -- There are instances where both the typos and the mistranslations possibly contribute to misinterpretation of specific shades of meaning.
… (lisätietoja)
 
Merkitty asiattomaksi
stephencbird | 7 muuta kirja-arvostelua | Sep 19, 2023 |
L'AZZURRO DEL CIELO (****)

E' essenziale per noi affrontare il pericolo che la letteratura rappresenta. (p. V)

Mi sedetti ad un tavolo di gente che conoscevo poco. Avevo l'impressione di essere importuno, ma non me ne andavo. Gli altri parlavano con la massima serieta' d'ogni cosa che era avvenuta e di cui era utile essere informati: mi apparivano tutti di una realta' precaria, con il cranio vuoto. (p. 31)

C'erano le stelle, un numero infinito di stelle. ... I miei occhi non si perdevano piu' nelle stelle, che brillavano sopra di me realmente, ma nell'azzurro del cielo di mezzo giorno. Li chiudevo per perdermi in quell'azzurro vivo, lucente ... (p. 70)

STORIA DELL'OCCHIO (***)

... due celebri quadri di Valdes Leal raffiguravano cadaveri in putrefazione: nell'orbita oculare di un vescovo stava entrando un enorme topo di fogna ... (p. 137)

... questa esaltazione e' piu' grande di quanto l'immaginazione possa raffigurare, supera tutto. Ma e' la solitudine e l'assenza di senso che la fondano. (p. 150)

Vanitas vanitatum omnia vanitas

MADAME EDWARDA (**)

Della bellezza, gli asceti dicono che e' il tranello del diavolo: solo la bellezza infatti rende sopportabile un bisogno di disordine, di violenza e indegnita' che e' la radice dell'amore. (p. 157)

La sua presenza aveva l'inintelligibile semplicita' di una pietra: nel cuore della citta', avevo la sensazione d'essere la notte sulla montagna, in mezzo a solitudini senza vita. (p. 167)

IL PICCOLO (***)

In cio' che ha di intimo, di dolce, di disinteressato, la societa' si fonda sul male: essa e' come la notte, fatta di angoscia. (p. 179)

L'uomo ha sete del male, della colpevolezza, ma non osa (o non puo') dargli la propria anima, ricorre alla vita obliqua, alla nevrosi, al riso ecc ... (p. 184)

Dio neanche per un istante e' costretto a pensare, per questo non puo' essere. (p. 189)

Scrivere e' ricercare la sorte.
La sorte anima le piu' piccole parti dell'universo: lo scintillio delle stelle e' il suo potere, un fiore dei campi il suo incantesimo. (p. 211)

L'IMPOSSIBILE (*****)

Camminare, durante una tormenta, lungo un sentiero di montagna senza attrattive, non e' distensione (sembra piu' una regione d'essere). (p. 224)

Il gufo sorvola, al chiaro di luna, un campo dove gridano dei feriti.
Cosi' nella notte sorvolo la mia sventura. (p. 232)

Quella notte non pensavo alle memorie dei miei avi, che le nebbie degli acquitrini trattenevano nel fango, l'occhio asciutto e il labbro assottigliato dall'angoscia. Prendendosi dalla durezza della loro condizione il diritto di maledire gli altri, ricavando dalla sofferenza e dalla propria asprezza il principio informatore del mondo. (p. 237)

La liberta' e' niente se non e' liberta' di vivere sull'orlo di limiti in cui ogni comprensione si disgrega. (p. 240)

I lati obliqui dell'essere, da dove sfugge alla povera semplicita' della morte, non si rivelano il piu' delle volte che alla lucidita' indifferente: l'allegra cattiveria dell'indifferenza e' la sola a raggiungere quei lontani limiti in cui perfino il tragico e' senza pretese. E' anche tragico, ma non e' schiacciante. (p. 250)

Se Dio non esiste, quel lamento straziato nella tua solitudine e' l'estremo limite del possibile: in questo senso, non esiste elemento dell'universo che non gli sia subordinato! mentre esso stesso non e' subordinato a nulla, domina tutto pur essendo fatto di una coscienza d'impotenza infinita: del sentimento dell'impossibile, precisamente! (p. 269)

Quello che e' certo il fondo dei mondi: un'ingenuita' sconvolgente, l'abbandono senza limite, un'esuberanza ebbra, un violento -che importa- ... (p. 287)

Non mi rinchiudo nell'idea della sventura. Immagino la liberta' di una nuvola che riempie il cielo, facendosi e disfacendosi con una rapidita' senza fretta, traendo dall'inconsistenza e dalla lacerazione il potere d'invadere. Cosi' della mia dolorosa riflessione che senza l'estrema angoscia sarebbe stata greve, posso dirmi che mi concede, nel momento in cui sto per soccombere, il dominio ... (p. 296)

La verita' della vita non puo' essere separata dal suo contrario e se fuggiamo l'odore della morte, 'lo smarrimento dei sensi' ci riconduce all'appagamento che ad esso si lega. (p. 299)

Ricordo a Tilly la mia curiosita' per i borghigiani, dopo le piogge, il fango, il freddo ... Ero felice di ascoltare la loro vita, scarabocchiando sul mio taccuino, a letto in una camera sporca (e gelida). (p. 315)

... da una parte il soggetto IO
e dall'altra l'oggetto
universo poltiglia di nozioni morte
dove IO getta piangendo gli avanzi
le impotenze
i singulti
i discordanti strilli di gallo delle idee
nulla! (p. 328)

La poesia non e' una conoscenza di se stessi, ancora meno l'esperienza di un lontano possibile (di cio' che prima non era) ma la semplice evocazione attraverso le parole di possibilita' inaccessibili. (p. 337)

L'ABATE C. (***)

La fascinazione del sonno, che risponde col richiamo del vuoto all'ostinarsi di una volonta' impotente, e' una prova che la vita, forse, non ha mai superato. (p. 356)

La cosa peggiore era trovarsi al punto in cui, per un'oscura fatalita', ogni cosa e' spinta all'estremo, e nello stesso tempo sentirsi lasciato in disparte dalla vita. (p. 389)

In un moto di malevola ironia, mi trovavo come a rovescio, ma il rovescio ha, rispetto al diritto, il vantaggio di non poter sembrare vero. (p. 404)

... e pensai che ero vivo solo per meglio sapere d'esser morto. (p. 416)

Non c'e' cosa umana che non serva da tranello a tutti gli uomini: non possiamo evitare che ogni nostro pensiero ci illuda e abbia, per poco che la memoria ci assista, il solo effetto di darci, di li' a poco, motivo di ridere. Persino le nostre grida piu' alte sono destinate all'irrisione, chi le sente smette presto di preoccuparsene, quelli che gridarono si stupiscono di aver gridato. (p. 420)

Rimasi a lungo alla finestra: era di un orrore quanto meno fastidioso. L'Universo interno mi pareva malato... (p. 429)

L'unico modo per riscattare la colpa di scrivere e' distruggere quanto si e' scritto. ... anche se la distruzione non intacca l'essenziale pure posso legare cosi' intimamente l'affermazione alla negazione che la penna via via cancella quello che ha affermato. (p. 440)

Di solito il delitto le appare sotto forma di destino, di fatalita' ineluttabile. La vittima? Sicuro, ma la vittima non e' maledetta: soccombe semplicemente al caso: la fatalita' si abbatte solo sul criminale. E quindi sull'essere sovrano pesa una servitu' che lo opprime, e la condizione degli uomini liberi e' la servilita' voluta. (p. 448)

IL MORTO (**)

Il tempo aveva negato le leggi a cui sottomette la paura. (p. 475)

JULIE (****)

Chi attende finisce per consegnarsi a una verita' odiosa: se attende, e' perche' egli stesso e' l'attesa. L'uomo e' attesa. Di non si sa cosa - che non verra'. (p. 499)

Allo stesso modo che un turbine di polvere annuncia il temporale, una sorta di vuoto aperto alle affannate moltitudini annunciava il passaggio a un tempo di catastrofi deprimenti ma senza limiti.
...
Una guerra e' in qualche modo come un sogno, che ci fa calare nell'opacita' del sonno prima che entrino in gioco figure smisurate di incubo. (p. 505)

Gli uomini si svegliano alla coscienza integrati a un mondo sensato.
Nella moltitudine, uno solo - distaccato dal senso - interroga il vuoto, dove non sa piu' che cosa sta a fare, ne' quello che fa la moltitudine.

Ma un giorno la risposta e' donna.
Egli non interroga piu', con sgomento, la notte.
In quel sogno dove, a un tratto, si sa perduto, dice:
- Io cercavo... cio' che amo! (p. 541)

Ieri ero il bambino abbandonato dalla sorte nel profondo dei boschi. Oggi sono il fuoco - divorato - che divora. E sono fuoco nel misurarmi a chi mi arde.
...
La mia riflessione, venuta dalla filosofia di tutti i tempi, che si prolungava nella solitudine del mio scialbo essere, si tramutava di colpo in accecamento: folgorato ma col cuore martellante, col sangue alla testa, non mi trovavo piu' in quel vuoto dove il pensiero si estenua in svolgimenti infiniti, ma nell'attesa divina di una folgore e di una febbre piu' grandi. Cio' che si tendeva in me era allora il movimento fisico della mia vita. (p. 542)

Senza una tale connivenza con la morte non avrebbe saputo oltrepassare il limite immaginabile come faceva, accedere alla perdita del sentimento, a quel puro adempimento del non-senso, che e' la limpidezza dell'amore. (p. 545)

MIA MADRE (**)

All'infinito la vecchiaia rinnova il terrore. E senza fine riporta l'essere al principio. Il principio che all'orlo della tomba intravedo e' il porco che in me ne' morte ne' ingiuria possono uccidere. Il terrore sull'orlo della tomba e' divino e mi sprofondo nel terrore di cui sono figlio. (p. 549)

Dio e' l'orrore in me di cio' che fu, di cio' che e' e di cio' che sara' talmente orribile che a tutti i costi dovrei negare e a tutta forza urlare ch'io nego che cosi' fu, che cosi' e' e che cosi' sara'.
Ma mentiro'. (p. 559)

Il riso e' piu' divino, e anche piu' inafferabile delle lacrime. (p. 575)

Lo splendore atterrante del cielo e' quello della morte stessa. La mia testa gira nel cielo. La testa non gira mai meglio che nella sua morte. (p. 601)

CHARLOTTE D'INGERVILLE (**)

Di fronte al silenzio immutabile, ero sempre lo stesso, ad avvertire la morte nell'ilarita' del vento. La morte? mi pareva che all'altezza di un movimento che mi devastava, solo la mia solitudine senza di me avrebbe risposto. (p. 647)

LA CASA BRUCIATA ( )
...


… (lisätietoja)
 
Merkitty asiattomaksi
NewLibrary78 | Jul 22, 2023 |

Listat

Palkinnot

You May Also Like

Associated Authors

John Picton Contributor
Simon Underwood Contributor
Isabelle Graw Contributor
Hans-Jürgen Döpp Collector and Author
Lubaina Himid Contributor
Stuart Morgan Contributor
Grazer Kunstverein Corporate Author
Michel de Certeau Contributor
Paul Rainbow Contributor
Marquis de Sade Contributor
John Cleland Contributor
Henry Miller Contributor
Mario Vargas Llosa Introduction
Lascaux Illustrator
Hans Hinz Photographer
Peter Pakesch Introduction
Stadtmuseum Graz Host Institute
渡辺 守章 Translator
粟津 則雄 Contributor
宮川 淳 Contributor
小浜 俊郎 Translator
菅野 昭正 Translator
海老坂 武 Translator
Yasuo Irisawa Translator
安藤 元雄 Translator
巖谷 國士 Translator
生田 耕作 Translator
Jan Versteeg Translator, Afterword
Dario Bellezza Translator
Alberto Moravia Introduction
山本 功 Translator
酒井 健 Translator
Agnete Øye Translator
Erika Höhnisch Translator
Mary Dalwood Translator
Claudia Fares Translator
出口 裕弘 Translator
Will Self Introduction
天沢 退二郎 Translator
Harry Mathews Translator
伊東 守男 Translator
J. M. Lo Duca Foreword
湯浅 博雄 Translator
江澤 健一郎 Translator
Philip A. Facey Translator
Freddy De Vree Translator
吉田 裕 Translator
Sergio Finzi Afterword
Liz Heron Translator
兼子 正勝 Translator
中沢 信一 Translator
鈴木 創士 Translator
中山 元 Translator
中条 省平 Translator
阿部 静子 Translator
古屋 健三 Translator

Tilastot

Teokset
213
Also by
14
Jäseniä
10,676
Suosituimmuussija
#2,224
Arvio (tähdet)
½ 3.6
Kirja-arvosteluja
130
ISBN:t
535
Kielet
24
Kuinka monen suosikki
57

Taulukot ja kaaviot